Prenota un appuntamento

+39 339 8873385

Questo è un tema molto difficile da toccare, perché è difficile ammettere (sia da figlio che da genitore), che un genitore possa nutrire invidia o gelosia verso i propri figli: questione di possessività ed eccessivo amore o di scarsa realizzazione di se stessi e frustrazione?

madre narcisista

La madre narcisista, (notoriamente identificata metaforicamente come PIOVRA, RAGNO, POLIPO).

Questa gelosia non è sempre consapevole, cioè può essere inconscia e rilevabile da tutta una serie di dinamiche, che il figlio di un genitore con personalità narcisistica si trova a dover affrontare con una certa regolarità per tutta la vita.

Eh si, perché mentre un partner possiamo lasciarlo, un lavoro cambiarlo.. un genitore non possiamo escluderlo totalmente (tranne in rari casi in cui è auspicabile) ed inevitabilmente dobbiamo sia  proteggerci dalle sue tendenze manipolatorie che mantenere una relazione sana con loro e con noi stessi.

La triangolazione della madre narcisista nella coppia

Ma perché dobbiamo mettere dei confini con questo tipo di genitore?

Da bambini non capiamo cosa realmente proviamo in presenza del genitore narcisista, o meglio, non sappiamo comunicarlo o descriverlo bene e viviamo di “sensazioni”, ricordi e frammenti di emozioni incontrollate, ma crescendo abbiamo l’opportunità, in una terapia mirata alla risoluzione del conflitto e dell’abuso narcisistico, di capire perché ci sentivamo così, dare un nome alle nostre emozioni e iniziare a recuperare autostima, indipendenza mentale ed economica (dato che spesso i genitori narcisisti e manipolatori sono sabotanti verso qualsiasi progetto o iniziativa del figlio, affinché resti sempre dipendente da lui/lei e quindi in una posizione di insubordinazione dalla quale gli resta più semplice manovrarti,gestirti e quindi sentirsi sempre dominante.

La sensazione di fondo è quella persecutoria del “sentirsi in trappola”, “la tensione” costante, per qualcosa che dirai/farai o non dirai/farai e che certamente lo/la deluderà in situazioni e/o contesti apparentemente rilassati (cene, ricorrenze, feste..), ma che si rivelano poi essere il terreno di feroci dinamiche aggressive, conducendovi in un gioco paradossale in cui  – ad esempio- vi viene offerto un pranzo e poi vi viene rinfacciata la fatica fatta per prepararlo se non gratificate la mamma o il papà così come lui/lei aveva immaginato. Sembra che queste persone con il loro umore altalenante, i loro cambi improvvisi di idee o atteggiamento, riescano ad alterare la serenità e la calma familiare, ma soprattutto la serenità mentale di chi convive con loro.

Descrizione del Genitore Narcisista

Descrizione del Genitore Narcisista

Per un narcisista/genitore narcisista stare al centro dell’attenzione è fondamentale, per questo, quando ciò non è possibile, vanno in ansia e maturano più o meno consapevolmente delle emozioni negative.

La non consapevolezza delle loro emozioni negative esita spesso in agiti (comportamenti) incoerenti e bizzarri, inscenate drammatiche (malori improvvisi, presunte mancanze di rispetto percepite o subite dai commensali o dagli invitati..) che mettono tutti a disagio oppure comportamenti velatamente svalutanti che vi fanno vergognare e in ogni caso rovinano la giornata a tutti.

Ad esempio se fate un regalo a un padre/madre narcisista , loro invece di apprezzare, svaluteranno con determinazione gli elementi positivi mettendo in risalto – anche in modo poco educato –  solo quelli negativi (uhh che carino! Lo metterò insieme alle altre 50 paia di guanti che ho, credo di averne un doppione, ma pazienza ciò che conta è il pensiero!).

 I narcisisti fanno di tutto per attirare l’attenzione su se stessi, per creare malessere, tensione o per scatenare un litigio,soprattutto se in quel momento siete felici, non importa se state festeggiando il vostro diciottesimo compleanno, il vostro matrimonio o il vostro funerale, un GN vedrà solo un palcoscenico in cui esibirsi e se non può essere protagonista allora dovrà essere l’antagonista cattivo o la vittima, trasformando voi nel cattivo.

Ricatti Affettivi del Genitore Narcisista

Ricatti Affettivi del Genitore Narcisista

Non hanno vero interesse per le vostre emozioni e la vostra felicità a meno che non siano loro ad esserne i protagonisti o il motivo primario, ma avvertono invece l’immediata necessità di dare alle vostre frasi o intenzioni interpretazioni negative per cercare un confronto ostile. In questo disperato tentativo di risollevare la loro autostima carente,perdono anche il senso di realtà. Non è raro quindi per un GN mettersi al pari del figlio/ anche se ha 6/7 anni.. ecco allora che se una bambina si sente felice di essere stata a casa della zia o della cuginetta perché sa fare bene le torte, la madre narcisista non si limiterà a condividere empaticamente la sua gioia, anzi coglierà l’occasione per chiedere alla figlia se le sue torte invece sono buone e se si quanto più di quelle di zia? L’importante è la competizione, il paragone, non la felicità della figlia.

Sembra quasi che i narcisisti siano terrorizzati dall’ armonia e dalla serenità, per cui o devono centrare l’attenzione su se stessi oppure devono guastarla.

Nei casi peggiori i GN cercheranno di farvi terra bruciata intorno, perché i vostri amici o partner o parenti sono per loro dei potenziali nemici o in generale una minaccia per il concorso al rapporto esclusivo con voi.

Esempio ironico di Padre Narcisista

Esempio ironico di Padre Narcisista

La costante denigrazione del mondo esterno è finalizzata a generare in voi paura della novità e sfiducia nel prossimo e con essa, indirettamente si rafforza la vostra condizione di dipendenza psicologica o affettiva.

Degno di nota è il costante sabotaggio dei vostri progetti lavorativi o creativi; se ad esempio vi sentite gioiosi perché avete acquistato una macchinetta fotografica e decidete di dedicarvi all’ hobby della fotografia, il GN vi redarguirà rispetto ai soldi spesi, all’inutilità del progetto o vi giudicherà oziosi e infantili.

Un altro importante dato è la tendenza dei GN ad interferire con la crescita dei figli, soprattutto per quel che riguarda la formazione della coppia, il matrimonio e i figli.

Il GN non vuole invecchiare, si riconosce solo nel ruolo di adulto seduttivo e indipendente, per questo se voi crescete e diventate autonomi entrano nel panico più assoluto. Se cercate di crescere, di combinare qualcosa nella vostra vita il GN si mostrerà dapprima collaborativo ed entusiasta e man mano sempre più critico e svalutante o ancor peggio manipolatorio: loro sanno fare meglio di voi, ci sono già passati, si mettono davanti a voi in ogni situazione e interferiscono riguardo al vostro ruolo di moglie/marito, padre/madre coi nipoti.

Se vi separate, fallite a lavoro,vi succede qualcosa di brutto, non ce la fate a seguire i vostri figli tanto meglio. Loro si sentiranno ancora protagonisti e potranno sempre sentircisi ricordandovi “quanto hanno fatto per voi e per amore vostro” o nei casi più gravi “sei stato stupido io al posto tuo non avrei sbagliato”.

Trasmissione intergenerazionale della dinamica narcisistica in famiglia

Trasmissione intergenerazionale della dinamica narcisistica in famiglia

Non è raro per un GN allearsi contro di voi con il vostro partner oppure di inserirsi in modo subdolo nelle vostre dinamiche di coppia con l’inconscio obiettivo di recuperare la posizione di dominanza sul/sulla figlio/a; le tecniche sono varie: dalla svalutazione del partner, alla triangolazione, il vittimismo o l’insinuazione di dubbi riguardo la sua affidabilità, : “lui/lei non va bene per te, non ti capisce..” etc.. “ti tradisce”.

Se il vostro/la vostra partner non è abbastanza forte o anche lui/lei ha delle sue ferite o insicurezze narcisistiche (molto probabile se siete vittime di narcisismo sin dall’infanzia),la faccenda peggiora, perché è molto più semplice per il genitore avviare baruffe, litigi, competizioni, triangolazioni e conflitti.

Il conflitto è per il GN una forma di nutrimento perché attraverso il confronto e il contrasto, sente di recuperare una posizione di dominanza su di voi e la brutta notizia è che più si sente inferiore a qualcuno, più agisce in modo da aizzare conflitti e inscenare drammi.

Siete confusi perché i narcisisti alternano periodi di grande generosità e slancio a periodi di intensa cattiveria sadica e ciò dimostra che nessuno dei due atteggiamenti li descrive a pieno, ma vi dice qualcosa sulla difficoltà di integrare queste due immagini ambivalenti nella vostra mente.

Questi genitori pesano, stancano, usurpano, svuotano, deludono, confondono, invadono, giudicano, feriscono, perché fondamentalmente procreano solo per avere qualcuno che li idolatri e si occupi di loro.

Comprendiamo che probabilmente questi genitori ammalati, si comportano male ma non hanno intenti realmente malevoli (tranne rari casi/narcisisti maligni) anzi forse sono convinti di agire per il vostro e il loro bene, ma il risultato non cambia: voi vi sentite sempre sbagliati/e, in colpa, a disagio, in trappola, manchevoli o in ansia.

La solitudine del figlio vittima di abuso narcisistico

La solitudine del figlio vittima di abuso narcisistico

I narcisisti sono anche difficilissimi da aiutare; svalutano psichiatri, psicoterapeuti, sfuggono i consigli, le paternali e persino se stessi; siete sempre voi quelli malati,quelli sbagliati, quelli in torto… per questo se siete in una situazione di questo tipo, preoccupatevi di voi, di riabilitarvi e di concedervi di essere felici, ma soprattutto di SBAGLIARE, di vivere e di non sentirvi per questo,costantemente in colpa.

Richiedi una consulenza: 
http://www.vittimedinarcisismo.com/richiedi-una-consulenza/

Visita anche: www.vittimedinarcisismo.com

Dottoressa Silvia Michelini